Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2013

Il saggio e il tiranno

Immagine
La libertà spirituale travalica ogni forma di dispotismo e autoritarismo. Un saggio non teme né minacce né intimidazioni. Ugualmente nell’ambito della fede le difficoltà sono il veleno che si trasforma in medicina.
Josei Toda, secondo presidente della Soka Gakkai, un giorno disse: «La Soka Gakkai ha il preciso compito di ripagare il debito di gratitudine che abbiamo nei confronti di Nichiren Daishonin e di aprire la strada alla infinita felicità del genere umano, pianificando un grande progetto di cento anni, anzi, un meraviglioso progetto di pace in grado di abbracciare addirittura millenni». Proprio come sperava il presidente Toda la SGI sta tracciando un grande percorso di pace e di felicità per tutte le persone. Il 18 gennaio è l’anniversario della morte di Tsunesaburo Makiguchi, padre fondatore della Soka Gakkai. Makiguchi rimase sempre indifferente alle minacce e alle intimida- zioni che gli furono inflitte dal militarismo giapponese.

stampa la pagina

Frase dal Gosho - 28 febbraio 2013

"Sto pregando intensamente come se dovessi accendere il fuoco con legna bagnata o estrarre l'acqua dal deserto, affinche`, nonostante questa sia un'epoca di disordini, il Sutra del Loto e le Jurasetsu proteggano ciascuno di voi."
Da "Cancellare le colpe" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 7, pag. 172)
stampa la pagina

Giulio ha detto...

Immagine
Così come il Giappone fu invaso dai Mongoli, al tempo di Nichiren, grazie alla connivenza di notabili, ieri l'Italia è stata invasa dai Galli e dagli Unni. Recitiamo tanto Daimoku per il destino della nostra Italia e poniamo in essere azioni per contrastare ed avviare un cammino di felicità per tutti gli italiani.
Nam myoho renge kyo
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 27 febbraio 2013

"Non permettere mai che le avversita` della vita ti preoccupino. Dopotutto nessuno puo` evitare i problemi, nemmeno i santi o i saggi. Semplicemente recita Nam-myoho-renge-kyo [...] Soffri per quel che c'e` da soffrire e gioisci per quello che c'e` da gioire. Considera entrambe, sofferenza e gioia, come fatti della vita e continua a recitare Nam-myoho-renge-kyo qualunque cosa accada. In questo modo sperimenterai una gioia illimitata derivante dalla Legge. Rafforza la tua fede più che mai."
Da "Felicita` in questo mondo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 157)
stampa la pagina

A passo di danza

Immagine
Anoressia, bulimia. Il mondo della danza, a volte severo, disumano e intriso di competizione. Poi la decisione di crescere un figlio e inventare nel frattempo un modo di insegnare la danza affermando i valori dell’umanità e della cultura. Per creare artisti completi e persone piene di fiducia. Tutto questo da sola.
Iniziai a danzare a otto anni, ma avevo deciso di diventare una ballerina molto tempo prima. Ben presto ballare si trasformò in un incubo: fin dall’inizio trovai insegnanti duri e severi, proprio come dura e severa è la disciplina della danza classica. Ci picchiavano e insultavano perché – dicevano – questo era il modo migliore per prepararci alla durezza del lavoro in palcoscenico. Entrai a far parte dell’Ater Balletto già diciassettenne, ma volevo perfezionarmi e lo lasciai per entrare nella scuola di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu. Avevo 18 anni, pesavo trentacinque chili e mi sentivo grassa. Soffrivo di anoressia e bulimia e il peso era la mia ossessione. In un impet…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 26 febbraio 2013

"Benche' numerosi, i giapponesi difficilmente realizzeranno qualunque cosa, poiche' sono divisi nello spirito. Al contrario, io credo che, sebbene Nichiren e i suoi discepoli siano pochi di numero, poiche' agiscono in itai doshin, realizzeranno la loro grande missione di propagare il Sutra del Loto. Un solo scroscio di pioggia spegne molti fuochi ruggenti e una sola verita` dissolve molte forze malvagie"
Da "Itai Doshin" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 268)
stampa la pagina

Il Sutra del Loto #116

Immagine
Sradicare le cause negative dalla nostra vita
Toda una volta disse: «Nichiren Daishonin ha stabilito la Legge che permette di liberarsi dalle cause negative passate e ritornare al remoto passato (di kuon ganjo) nel corso dell’esistenza quotidiana. In altre parole, dedicare se stessi (al Daishonin) e recitare Nam-myoho-renge-kyo è il metodo per trasformare in meglio il proprio destino. Seguendo questo metodo il comune mortale di kuon ganjo appare e le cause e gli effetti negativi formati nel frattempo scompaiono del tutto». “Il comune mortale di kuon ganjo appare” dice, ed è un modo meraviglioso di porre la questione, che è il cuore del Sutra del Loto. Queste parole esprimono la saggezza del presidente Toda, che lesse il Sutra del Loto con la sua vita e giunse alla comprensione che il Budda è la vita stessa. Con “cause negative passate” e “cause ed effetti negativi formati nel frattempo” egli si riferiva alle innumerevoli cause ed effetti che portano sfortuna alle persone. Ma come il s…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 25 febbraio 2013

"Il piu` grande di tutti i mali produce conseguenze che non colpiscono solo chi l'ha commesso, ma si estendono ai suoi figli, nipoti e cosi` via fino alla settima generazione. E lo stesso vale per il piu` grande di tutti i beni. Poiche` il Venerabile Maudgalyayana ripose fede nel Sutra del Loto che e` il massimo bene che esista, non solo lui, ma anche suo padre e sua madre ottennero la Buddita`. E come se non bastasse, anche tutti i padri e le madri delle sette generazioni precedenti e delle sette generazioni successive, e in verita` di innumerevoli vite precedenti e successive, furono in grado di ottenere la Buddita`, per quanto incredibile possa sembrare."
Da "Sull'Urabon" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 9, pag. 233)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 24 febbraio 2013

"Il fiore mahamandara nel cielo e il fiore di ciliegio nel mondo umano sono entrambi fiori ammirati da tutti, ma il Budda non li scelse come simbolo del Sutra del Loto. Esiste una gran varieta` di piante: alcune prima fioriscono e poi producono i frutti; altre prima producono i frutti e dopo i fiori; alcune portano un solo fiore e molti frutti, altre molti fiori e un solo frutto, altre ancora producono frutti senza fiorire, ma il loto e` l'unico fiore in cui il fiore e il frutto compaiono simultaneamente. Questa e` la ragione per cui fra tutti i fiori egli scelse il loto come simbolo del Sutra del Loto"
Da "Wu-lung e I-lung" (gli Scritti di Nichiren Daishonin, vol. 6, 245)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 23 febbraio 2013

"Nel Sutra del Nirvana si trova il principio dell'alleggerimento della retribuzione karmica. Se il karma pesante del passato non viene espiato in questa esistenza, si dovranno sopportare le sofferenze dell'inferno nel futuro, tuttavia, incontrando grandi difficolta` in questa vita, le sofferenze dell'inferno svaniranno immediatamente. Alla morte si otterranno i benefici dei mondi umani e divini, dei tre veicoli e del veicolo supremo. Il bodhisattva Fukyo non fu deriso, insultato e colpito con pietre e bastoni senza motivo: probabilmente aveva calunniato la vera Legge nel passato."
Da "Alleggerimento della retribuzione karmica" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 93)
stampa la pagina

Compiere il primo passo #1

Immagine
Questo progetto nasce dal desiderio di dare una risposta alle domande di chi si avvicina al Buddismo di Nichiren Daishonin. Per realizzarlo ci siamo ispirati alla storia vera di una principiante, che ci ha indicato quelli che per lei erano stati i momenti chiave del percorso alla scoperta del Buddismo. Il lavoro si articola in due parti, nella prima abbiamo immaginato una conversazione fra amici, nell'altra abbiamo cercato di dare una risposta a domande emerse sì nella conversazione immaginaria, ma che ognuno di noi sperimenta giornalmente nel dialogo con chi si avvicina a questa pratica. La speranza è che questo progetto possa sostenere e incoraggiare i nuovi membri, rispondendo alle loro domande e chiarendo qualche dubbio. Così come sostiene Daisaku Ikeda: «In ogni campo, il primo passo è il più importante. Un vecchio proverbio afferma: "Un viaggio di mille miglia comincia da un singolo passo".

Ovviamente un viaggio di mille miglia richiede più determinazione e preparaz…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 22 febbraio 2013

"I cinque caratteri di Myoho-renge-kyo, il cuore dell'insegnamento Honmon del Sutra del Loto, contengono tutti i benefici delle pratiche e delle azioni meritorie di tutti i Budda nelle tre esistenze. Come possono quindi questi cinque caratteri non includere i benefici ottenuti osservando tutti i precetti? Una volta abbracciato questo perfetto mistico precetto, un praticante non puo` romperlo, nemmeno se volesse. Percio` e` chiamato il precetto [del calice] di diamante"
Da "L'insegnamento, la pratica e la prova" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 6, pag. 219)
stampa la pagina

La trasformazione del karma nel Buddismo di Nichiren Daishonin

Nel Buddismo di Nichiren Daishonin non esiste un dio o un essere divino che non sia l’essere umano ma esiste una Legge, la Legge dell’universo che permea ogni cosa. Nel Buddismo non si parla di predeterminismo o fatalismo, ma di karma che può essere trasformato attraverso la pratica buddista.
La felicità o l’infelicità dipendono dall’essere umano, dalle cause poste nel passato e che si ripercuotono nelle tre esistenze di passato, presente e futuro. Per cui ciò che sperimentiamo nella nostra vita quotidiana , altro non sono che cause poste da noi stessi. Il karma può essere positivo o negativo, se è positivo si vivrà gioia e felicità, se è negativo la retribuzione sarà la sofferenza.
Il Buddismo indica una strada per cambiare la propria vita, che non è destinata alla sofferenza ma può essere cambiata. Si può definire il “Buddismo della speranza”, per cui come siamo noi stessi ad ever posto le cause, noi stessi possiamo cambiare il corso della nostra vita.
Pagine: 105 - € 15,00 - ISBN: 9…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 21 febbraio 2013

"Per tutti coloro che credevano nel Sutra del Loto ma non riuscivano a credere del tutto, il quinto volume espone l'essenza dell'intero sutra, la dottrina del raggiungimento della Buddita` nella forma presente. Era come se un oggetto nero fosse diventato bianco, come se la lacca nera fosse diventata simile a neve, come se una cosa sporca fosse diventata pulita e pura o il gioiello che esaudisce i desideri fosse stato gettato nell'acqua torbida. Vi si narra di come Ryunyo [la figlia del re dei Naga], avesse ottenuto la Buddita` nella sua forma presente di serpente. E a quel punto nessuno poteva piu` dubitare che anche per gli uomini fosse possibile ottenere la Buddita`."
Da "Il sutra della vera riconoscenza" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 108)
stampa la pagina

Roberto Panciatici ha detto...

Immagine
Da oggi ci sono anch'io :)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 20 febbraio 2013

"Sii fermamente convinto che Shakyamuni, Taho e tutti i Budda delle dieci direzioni si aduneranno nel tuo corpo per aiutarti."
Da "Lettera a Yasaburo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 169)
stampa la pagina

Alla fine dell’arcobaleno

Immagine
Il sogno era semplice: avere un figlio. Ma il tragitto per renderlo realtà si è rivelato quanto mai impegnativo. Eppure, quando finalmente è nata Clara, anche il cielo sembrava voler festeggiare il suo arrivo.
Elda: Appena nata il mio colorito era bluastro, ero lunga e magra. Credo che quando mia madre dette il primo sguardo a quello che era il suo quarto figlio si sia piuttosto spaventata. Quando ero ancora lattante, doveva spesso svegliarmi per la poppata e dopo a tavola tenevo ferma in bocca la cucchiaiata di pappa che mi infilava, a volte per ore, finché lei non mi toglieva tutto di bocca prima di addormentarmi. Crescendo fui colta da magrezza patologica che mi durò a lungo, finché non riuscii a vincerla lentamente grazie alla pratica buddista.
Eric: Ho cominciato a praticare il Buddismo in Italia. Avevo problemi di relazioni con le persone. A tutti i costi volevo vincere su questo problema e ... mi sono sposato con Elda Il mio desiderio più profondo era che lei diventasse la donn…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 19 febbraio 2013

"Se vuoi liberarti dalle sofferenze di nascita e morte che sopporti dall'eternita` e raggiungere sicuramente la suprema Illuminazione in questa esistenza, devi risvegliarti alla mistica verita` che e` sempre esistita nella vita degli esseri umani. Questa verita` e` Myoho-renge-kyo. Di conseguenza recitare Myoho-renge-kyo ti permettera` di percepire la mistica verita` dentro di te."
Da "Il raggiungimento della Buddita` in questa esistenza" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 3)
stampa la pagina

Il Sutra del Loto #115

Immagine
Nam-Myoho-Renge-Kyo è l'identità originale di tutti i Budda
Dal punto di vista del Buddismo di Nichiren Daishonin invece “il segreto del Tathagata e il suo mistico potere” va interpretato come un’allusione alla Legge di Nam-myoho-renge-kyo, alla causa originaria dell’Illuminazione del Budda nel remoto passato, cioè uno stato vitale illuminato a Nam-myoho-renge-kyo. Questo stesso stato vitale è sia l’essenza della Buddità che la vita del vero Budda, e il “vero Budda” dunque il “Tathagata di Nam-myoho-renge-kyo”. Così le funzioni di Shakyamuni sono, in ultima analisi, le funzioni di Nam-myoho-renge-kyo e questo è il significato de “il suo mistico potere”. Di conseguenza, Nam-myoho-renge-kyo è il vero Budda, mentre Shakyamuni, Taho e tutti gli altri Budda sono Budda provvisori che manifestano le funzioni di Nam-myoho-renge-kyo. Ma perché è così importante l’interpretazione di questo passaggio dal punto di vista del Daishonin? Perché, soltanto attraverso la chiarificazione della Legge…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 18 febbraio 2013

"La pianticella del riso cresce generando fiori e semi, ma il seme rimesso nella terra sicuramente germoglia di nuovo e produce altri fiori e semi. Cosi' i meriti che Nichiren ha acquistato propagando il Sutra del Loto ritorneranno sicuramente a Dozen-bo. Che cosa sublime! Si dice che se il maestro ha un buon discepolo, tutti e due otterranno la Buddita`, ma se il maestro alleva un cattivo discepolo, entrambi cadranno nell'inferno. Se maestro e discepolo non sono in accordo, non possono realizzare nulla di grande."
Da "I fiori e i semi" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 33)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 17 febbraio 2013

"Il Sutra del Loto ci insegna: "Vita dopo vita essi rinacquero sempre con i propri maestri nelle terre del Budda di tutto l'universo" e "Se qualcuno avvicina un maestro della Legge, otterra` presto la condizione di bodhisattva. Se segue questo maestro e studia sotto la sua guida, sara` in grado di vedere tanti Budda quanti sono i granelli di sabbia del fiume Gange"
Da "Ammonimenti contro la calunnia" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 100)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 16 febbraio 2013

"anche se uno manca di conoscenza, finche' recita Nam-myoho-renge-kyo evitera` i cattivi sentieri. E` come il fiore del loto che si volge al sole pur non avendo una mente che lo guidi, o come il platano, che cresce grazie al rumore del tuono benche' non abbia orecchie per udirlo. Noi siamo come il loto e il platano, e il Daimoku del Sutra del Loto e` come il sole o il tuono."
Da "Il Daimoku del Sutra del Loto" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 28)
stampa la pagina

Fede uguale vita quotidiana

Immagine
All'inizio della pratica la vita di tutti i giorni non m'interessava affatto.
Desideravo lasciarmi alle spalle una complicata situazione familiare e immaginavo che sarei stata felice se certe condizioni fossero cambiate. Nel frattempo tanti "piccoli" scopi si realizzavano uno dietro l'altro, e comparve nel mio libretto di Gongyo una lunga e complessa "lista dei desideri". Trascinata dall'entusiasmo della scoperta parlavo della pratica a chiunque mi capitasse davanti, compresi i miei genitori, che iniziarono a praticare. Dove stava il trucco? Mi chiedevo io annichilita. Non era possibile che fosse così semplice! La risposta a questa domanda arrivò con la realizzazione del mio scopo principale, che mi lasciò totalmente spiazzata.
Prima di tutto perché le cose quando accadono per davvero non sono affatto come le immaginavamo: e poi mi accorsi che sì, realizzavo i desideri grazie alla pratica buddista, ma che questo non migliorava che temporaneamente il m…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 15 febbraio 2013

"Nell'Hokke gengi T'ien-t'ai scrive: "Quando si tira la corda di una rete, non c'e` alcuna maglia che non si muova e, quando si solleva un lembo del vestito, non c'e` filo del vestito che non si sollevi". Il significato di questo brano e` che, con la sola pratica della fede in Myoho-renge-kyo, non ci sono benefici che non si ottengano, e non c'e` buon karma che non cominci a operare. E` come il caso della rete da pesca: benche' la rete sia composta di innumerevoli piccole maglie, quando si tira la corda della rete, non c'e` una maglia che non si muova. O il caso di una veste: sebbene la veste sia fatta di innumerevoli fili sottili, quando se ne solleva un lembo, non ci sono fili che non siano sollevati."
Da "Conversazione fra un saggio e un uomo non illuminato" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 7, pag. 105)
stampa la pagina

Storie di ordinario eroismo

Immagine
Nel settembre del 1279 tre contadini di Atsuhara, Jinshiro, Yagoro e Yarokuro, vennero decapitati a causa della loro fede nel Buddismo del Daishonin. Un atto di pura fede, di gente comune, che portò Nichiren a iscrivere il Dai-Gohonzon per tutta l’umanità. Ma oggi qual è il vero atto di eroismo? Chi è il vero eroe?
«Sventurata la terra che ha bisogno di eroi» dice Galileo nel dramma omonimo scritto da Bertolt Brecht. Se, in effetti, guardiamo alla storia non possiamo fare a meno di notare come la figura dell’eroe o del martire rappresentino le punte estreme di periodi di enorme tensione. I teatri della rappresentazione sono guerre, repressioni, dispute sociali e religiose. Insomma, momenti di grande incertezza. E in quelle circostanze la funzione dell’eroe raggiunge il suo culmine. Diventa una sorta di delegato per il bene, di ministro della giustizia, colui o colei che incarna i valori più alti. Ma si parla di straordinario, di eccezionale. In effetti, nel nostro immaginario l’ ero…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 14 febbraio 2013

"Ogni ideogramma di questo sutra e` un Budda vivente di suprema illuminazione, ma noi, guardando questo sutra con gli occhi dei comuni mortali, vediamo solo gli ideogrammi. Gli spiriti affamati vedono il fiume Gange come fuoco, gli esseri umani vi vedono l'acqua e gli esseri celesti lo vedono come amrita. L'acqua e` sempre uguale, appare diversamente secondo la capacita` karmica degli individui."
Da "Risposta a Soya Nyudo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 7, pag. 147)
stampa la pagina

Bruna ha detto...

Immagine
Eccomi qua, un mese che ho scoperto questo luogo molto vasto che è il buddismo di Nichiren... ovvio che la spinta è stato uno di quei 'bui' dove la distanza tra quello che sei e il mondo e ciò che ti accade è enorme e dolorosa... un'amica ritrovata mi ha condotto qui... ora so che si dice shakabuku... poco altro so e non ho fretta di saperlo, mi terrorizza apprendere solo con la testa... ho conosciuto altri percorsi che parlavano di empatia, amore per l'altro, felicità, di sicuro mi hanno dato molto, ma il Cambiamento profondo, quello che ti fa finalmente smettere di cercare la felicità fuori di te non è avvenuto... spero si compia qui... la mia sincerità mi sembra vera... vedremo... intanto stasera ho scoperto questo sito, per caso... e un caso non è!!! A presto
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 13 febbraio 2013

"per valutare le dottrine buddiste, io, Nichiren, credo che i metodi migliori siano la prova teorica e la prova documentaria. Ma ancora migliore di queste e` la prova concreta"
Da "I tre maestri del Tripitaka pregano per la pioggia" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 204)
stampa la pagina

Felicissima di esserci

Immagine
Per aiutare il figlio, partecipa alla prima riunione buddista, cominciando a trasformare, una dopo l’altra, tutte le proprie difficoltà in fonte di incoraggiamento per sé e per gli altri. Grazie ad una forza e ad una gioia di vivere che nessuno le potrà sottrarre.
Dopo la morte di mia madre, che avevo accudito per sedici anni, il dolore era stato così forte che non facevo che piangere e volevo andare sempre al cimitero. Ero così depressa che anche i miei figli stavano male e il maschio cominciò a bucarsi. Io mi rendevo conto che era un po’ strano, ma non ne capivo il motivo. Mia sorella mi diceva di cominciare a praticare il Buddismo ma io la odiavo perché ero molto cattolica e non volevo offendere Dio. Poi un giorno mio figlio mi dice: «Mamma, voglio il tuo aiuto, perché da solo non ce la sto facendo». Io dico: «Che cosa posso fare per te?» e lui: «Andiamo a praticare il Buddismo», e così, per aiutare mio figlio, sono andata. La prima riunione fu tanto strana, con tutte quelle person…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 12 febbraio 2013

"Incontrare questo sutra e` cosa rara come il fiore di udumbara, che fiorisce ogni tremila anni, o come per la tartaruga con un occhio solo riuscire a trovare un tronco di legno di sandalo galleggiante, cosa che accade a intervalli di innumerevoli eoni. Immaginiamo di conficcare un ago nella terra e di lanciare un granello di senape dal palazzo del re Bonten che si trova nel cielo: e` piu` facile che il granello di senape si infilzi sulla punta dell'ago che incontrare il Daimoku del Sutra del Loto. O ancora, supponiamo di piantare verticalmente un ago sulla cima del monte Sumeru e poi, stando sulla cima del monte Sumeru di un altro mondo in un giorno di forte vento, lanciare un filo che vada a infilarsi nella cruna dell'ago. E` piu` semplice riuscire in questa impresa che incontrare il Daimoku del Sutra del Loto."
Da "Il Daimoku del Sutra del Loto" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 30)
stampa la pagina

Il Sutra del Loto #114

Immagine
“Il segreto del tathagata e il suo mistico potere" indica il grande potere benefico del Gohonzon
A un certo punto Shakyamuni dice ai suoi discepoli: «Io sono estremamente rigoroso quando si tratta di ricercare la verità». Allo stesso modo coloro che si dedicano alla Legge buddista dovrebbero distinguere accuratamente il vero dal falso, il bene dal male, il giusto dallo sbagliato. Il Budda dichiara apertamente la verità, guidando alla lotta con franchezza. «Le vere parole del Tathagata» significa parole che portano a una profonda e duratura felicità. Nel capitolo Rivelazione Shakyamuni finalmente rivela la verità eterna, in accordo con la quale ha vissuto, per coloro che verranno al mondo dopo la sua morte. Spiega in particolare che, “parole vere” significa “il segreto del Tathagata e il suo mistico potere”, dichiarando a Maitreya e agli altri che egli sta finalmente per rivelare l’insegnamento segreto e i poteri e le funzioni del Tathagata. Quanto al significato letterale del sut…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 11 febbraio 2013

"Rafforza la tua fede ancora di piu`. Il ghiaccio e` fatto di acqua, ma e` piu` freddo dell'acqua; il colore blu si ottiene dall'indaco, ma tingendo ripetutamente si ottiene un blu piu` intenso dell'indaco. Benche' il Sutra del Loto sia sempre uguale, se tu continui ad approfondire la fede, otterrai benefici piu` grandi degli altri."
Da "La supremazia della Legge" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 157)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 10 febbraio 2013

"C'era una volta in India un re chiamato Ashoka che governava su un quarto del mondo. [...] Indagando sul passato di questo grande sovrano, scopriamo che all'epoca del Budda Shakyamuni, vivevano due ragazzi chiamati Tokusho Doji e Musho Doji, i quali offrirono al Budda una torta di fango. [Tokusho, il maggiore dei due] rinacque nell'arco di cento anni e divento` un grande sovrano. Benche' il Budda sia degno di rispetto, paragonato al Sutra del Loto, e` come una lucciola accanto al sole o alla luna. Il Sutra del Loto e` superiore al Budda come il cielo e` piu` alto della terra. Se fare offerte al Budda produce tali benefici, fare offerte al Sutra del Loto ne produrra` di ben piu` grandi."
Da "I due tipi di fede" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 211)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 9 febbraio 2013

"Come chiedi cibo quando hai fame e cerchi acqua quando hai sete, come desideri vedere la persona amata, implori una medicina quando sei ammalato o come una bella donna desidera cipria e rossetto, allo stesso modo devi riporre fede nel Sutra del Loto. Se non lo fai, in futuro avrai dei rimpianti"
Da "Persecuzione con spade e bastoni" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 228)
stampa la pagina

Le offerte al Gohonzon

Immagine
Nel Gosho Il raggiungimento della Buddità in questa esistenza è scritto: «Sia che tu invochi il nome del Budda, che reciti il sutra o che semplicemente offra fiori e incenso, tutte le tue azioni virtuose costituiranno la causa per i benefici e per la fortuna nella tua vita. Con questa convinzione devi mettere la tua fede in pratica» (SND, 4, 5). In questo brano "il nome del Budda" è Nam-myoho-renge-kyo, e recitare il sutra vuol dire leggere mattina e sera il libretto di Gongyo, quindi ogni azione basata sul Gohonzon porta benefici e fortuna, perciò recitare Gongyo e Daimoku sono le basi della pratica, le altre sincere offerte al Gohonzon sono un mezzo per mostrare la nostra fede e ottenere benefici. Per prima cosa dobbiamo avere la "convinzione" che fare offerte al nostro oggetto di culto equivale a farle a noi stessi, ad apprezzare e stimare la nostra vita per quella che è e per quella che diventerà, illuminata dai caratteri di Nam-myoho-renge-kyo, per cui ogni az…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 8 febbraio 2013

"Il sutra Rokuharamitsu afferma che uno deve diventare maestro della propria mente e non lasciare che la mente sia la sua maestra."
Da "Risposta a Soya Nyudo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 7, pag. 148)
stampa la pagina

La vita fra le mani

Immagine
Fino dalle origini, il juzu ha accompagnato la pratica buddista. Ricco di significati simbolici, può essere considerato soprattutto un valido supporto durante la recitazione al Gohonzon.
Nella tradizione buddista abitualmente si prega tenendo tra le mani un filo di perline, il cosiddetto juzu. A seconda della congregazione, si trovano juzu di varie forme e dimensioni e diverso numero di grani. I monaci buddisti del Tibet, della Mongolia, della Cina e del Giappone lo hanno usato fin dai tempi antichi; le origini di questa tradizione sono da rintracciare nel Sutra Mokugenshi, dove si narra che una volta il re Haruri chiese aiuto al Budda Shakyamuni perché il suo paese era devastato dalla carestia e dalle epidemie. Allora il Budda chiese che i suoi fedeli portassero un rosario di 108 sfere ricavate dal legno dell’albero mokugenshi con lo scopo di aiutare gli abitanti del paese a esprimere la profonda devozione ai tre tesori (il tesoro del Budda, della Legge e del Prete). Nel Buddismo di …
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 7 febbraio 2013

"E` facile abbracciare il superficiale ma e` difficile abbracciare il profondo. Abbandonare il superficiale e ricercare il profondo richiede coraggio."
Da "Sulla profezia del Budda" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 31)
stampa la pagina

Jenny77 ha detto...

Immagine
Grazie... è bellissimo poter condividere, imparare e restare uniti anche tramite internet... anch'io ho scoperto questo sito per caso perchè stavo cercando di approfondire il significato delle offerte al Gohonzon.
Domenica 13 andrò al Kaikan per ricevere il Gohonzon... è un anno che pratico e sono solo agli inizi, ma una cosa è certa: che da subito ho sentito che il "Sutra del Loto" è la mia vita! Arianna, la ragazza che mi ha fatto shakubuku, la ringrazierò per sempre, per avermi regalato questa opportunità nella vita! Praticare il Buddismo di Nichiren è il regalo più grande che possiamo fare alla nostra vita!
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 6 febbraio 2013

"Se le preghiere del seguace e del maestro non si accordano, saranno inutili come volere accendere un fuoco sull'acqua"
Da "Gli otto venti" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 167)
stampa la pagina

Oltre il muro della paura

Immagine
Trovando l’audacia di scavalcare le barriere innalzate dalla paura si possono scoprire tante cose. Come la persona ideale, un lavoro interessante e “irraggiungibile”, una malattia che scompare: una serenità mai immaginata prima.
Questa sera è una grande festa e io ho scelto di festeggiare qui la mia vittoria, la vittoria per kosen-rufu. Quanto mi piacerebbe avervi tutti con me, cantare insieme questo inno alla vita! Fra poco arriva Lei, mancano solo trenta minuti. E mentre aspettiamo io vorrei confidarvi trenta anni della mia vita. Non è facile ricordare tutto. Quel Natale però lo ricordo bene, perché regnava un clima di grande serenità: insolita per casa mia. Abitavo con la mamma, la zia con il marito e la nonna malata. Mio padre non ha mai vissuto con noi, veniva a trovarmi di tanto in tanto, ma a me non bastava. In casa c’erano spesso violenze e litigi che turbavano la mia vita; lo zio mi voleva bene ma quando beveva perdeva la testa. Malgrado tutto, nutrivo la speranza e la fiduci…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 5 febbraio 2013

"...accettare e sostenere o proteggere e abbracciare un singolo verso del Sutra del Loto e` un'azione piu` meritoria del fare offerte a tutti gli esseri viventi, del fare offerte agli arhat o addirittura dell'offrire a tutti i Budda migliaia di milioni di mondi colmi dei sette tipi di tesori"
Da "L'impareggiabile fortuna della legge" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 9, pag. 248)
stampa la pagina

Il Sutra del Loto #113

Immagine
Il discepolo ricerca l'insegnamento fondamentale del maestro
Molti sutra descrivono la drammatica scena dei discepoli che supplicano tre volte il Budda: subito dopo che Shakyamuni ebbe raggiunto l’Illuminazione, e ancora non sapeva se incominciare a predicare, Brahma (Bonten) lo supplicò tre volte di esporre la Legge e, analogamente, in Sul Mezzo egli inizia a insegnare la sostituzione dei tre veicoli con l’unico veicolo solo dopo che Shariputra gli ha rivolto tre richieste sincere. Questo perché, secondo la tradizione, una preghiera ripetuta tre volte indica che sta per essere impartito un insegnamento importante e sottolinea la profonda determinazione del Budda di diffonderlo. Nel caso del capitolo Rivelazione, comunque, non si tratta solo di tre esortazioni: lo spirito di ricerca dei discepoli, come un torrente in piena, non conosce ostacoli ed è premiato con le risposte del Budda. Il fatto che i discepoli implorino il Budda una quarta volta indica che Rivelazione supera di gra…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 4 febbraio 2013

"La madre del potente guerriero generale Li Kuang fu divorata da una tigre. Egli scaglio` una freccia contro una pietra, scambiandola per la tigre, e la freccia vi si conficco` interamente. Ma dopo che Li Kuang ebbe capito che si trattava di una pietra, non riusci' piu` a perforarla. In seguito a cio` divenne noto come il Generale Tigre di Pietra. Lo stesso e` successo a te: sebbene i nemici ti avessero teso un agguato, la tua risoluta fede nel Sutra del Loto ha sventato le loro persecuzioni. Comprendendo questo devi rafforzare la fede piu` che mai."
Da "Il Generale Tigre di Pietra" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 184)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 3 febbraio 2013

"per valutare le dottrine buddiste, io, Nichiren, credo che i metodi migliori siano la prova teorica e la prova documentaria. Ma ancora migliore di queste e` la prova concreta"
Da "I tre maestri del Tripitaka pregano per la pioggia" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 204)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 2 febbraio 2013

"Il Sutra del Loto non e` altro che la scrittura in cui Shakyamuni afferma di aver ottenuto l'illuminazione in un passato piu` lontano di gohyaku-jintengo e predice che Shariputra e altri discepoli diventeranno Budda nel futuro. [...] Inoltre si afferma che il devoto del Sutra del Loto ricevera` la protezione degli innumerevoli bodhisattva della Terra, dei bodhisattva Monju e Kannon, di Bonten e Taishaku, degli dei del sole e della luna, dei quattro Re Celesti e delle dieci dee. Non esiste quindi altro modo di ottenere la Buddita`, perche' il Sutra del Loto e` la scrittura che rivela la verita` del passato e del futuro."
Da "Lettera ai preti del Seicho-ji" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 12)
stampa la pagina

Ricevere il Gohonzon

Immagine
Correva l'anno 1982 e più precisamente è stato il 2 agosto il giorno in cui, insieme ai miei più cari amici nella fede, ho ricevuto il Gohonzon. I primi tempi, portare avanti una pratica corretta fu durissimo: per fare Gongyo mattina e sera, allora molto più lunghi, impiegavamo ore e ore, ma nonostante questa e altre difficoltà le nostre vite iniziarono a cambiare profondamente e ovviamente in meglio: apparivano i primi benefici visibili e invisibili. Il Gohonzon... "funzionava"! Quando mi venne chiesto se lo volevo ricevere i miei responsabili mi spiegarono molto bene che non era una cosa da prendere alla leggera ma la cosa che mi colpì più di tutte è che questo Gohonzon mi veniva "affidato, non regalato e che lo dovevo proteggere per tutta la vita". Un impegno non da poco! Chi mai prima di allora aveva pensato di fare, e più che altro mantenere nel tempo, una promessa così lunga e impegnativa? Alla fine è stato difficile e nello stesso tempo facile riceverlo.…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 1 febbraio 2013

"Quando un uccello in gabbia canta, gli uccelli che volano liberi nel cielo sono richiamati e si radunano intorno a lui. E quando gli uccelli che volano nel cielo si radunano, l'uccello in gabbia cerca di uscire fuori. Cosi`, quando con la bocca pronunciamo la mistica Legge, la nostra natura di Budda viene richiamata e invariabilmente emergera`".
Da "Il Sutra del Loto porta all'Illuminazione coloro che per la prima volta aspirano alla Strada" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 34)
stampa la pagina